Spiegare i probiotici in poche parole

In una società germofobica, il termine “batteri” ha una connotazione negativa. Tuttavia, non tutti i batteri sono nocivi.

Ora vi spiego il perché: per mantenere il corpo in salute è necessario consumare batteri e avere colonie con trilioni di batteri che proliferano nel nostro intestino, sulla pelle, nelle cavità nasali e, nel caso delle donne, nel tratto genitale. Generalmente il numero di batteri benefici è dieci volte superiore alle cellule del nostro organismo! Sì, perché mentre alcuni batteri attaccano il nostro organismo provocando malattie e infezioni, altri batteri benefici vivono in perfetta simbiosi con il nostro corpo. I batteri benefici non patogeni (cioè incapaci di causare malattie) sono definiti probiotici e sono fondamentali ad esempio per digerire le fibre alimentari che altrimenti noi non saremmo capaci di metabolizzare, e di nutrire così tutte le cellule intestinali. Il risultato finale è una migliore digestione, un minore gonfiore addominale e un intestino che lavora perfettamente.

Non bisogna però pensare ai probiotici come una pozione magica e assumerli a proprio piacimento, per una flora intestinale da invidia 🙂 è necessario introdurli tutti i giorni abbinati a un piano alimentare settimanale studiato da uno specialista in scienza dell’alimentazione. Pratici (da mettere comodamente in borsa) ed efficaci sono i latti fermentati arricchiti di probiotici che si trovano facilmente in negozi e supermercati al banco frigo.


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *