Primavera: attenzione alle “allergie crociate”

Non solo i pollini. Chi è allergico alla betulla infatti a tavola deve fare attenzione anche alla mela, chi lo è alle graminacee anche all’anguria: è colpa delle cross-reattività o allergie crociate. La primavera è infatti arrivata, le piante iniziano a germogliare e l’aria è già carica di pollini. Ed ecco che si comincia a starnutire, lacrimare e a tossire.
Gli allergici ai pollini (in Italia sono circa 5 milioni) però, non devono solo temere questa o quella pianta in fase di pollinazione ma fare attenzione anche alle cosiddette “cross-reattività”. Ovvero alle allergie che alcuni pollini possono scatenare in chi ingerisce certa frutta e verdura.

Il contatto con alcuni alimenti vegetali in pazienti allergici ad alcune famiglie di pollini può determinare una sindrome orale allergica con fenomeni irritativi a labbra e cavo orale: il sintomo più comune è il prurito al palato, ma può comparire anche gonfiore delle labbra, fino a edema della glottide. A volte l’ingestione di questi alimenti vegetali cross-reattivi può provocare anche manifestazioni cutanee o respiratorie come ad esempio asma bronchiale. Sono stati descritti anche casi di choc allergico. Tra le cross reattività più frequenti c’è quella tra mela e betulla che si osserva nel 30-70 % dei pazienti allergici a pollini di betulla.
La sindrome orale allergica si manifesta pochi minuti dopo il contatto con alcuni alimenti vegetali. È quindi utile che chi è allergico e ha manifestato fenomeni di cross reattività conosca i “legami” tra piante e alimenti vegetali. I più comuni sono i seguenti:

pollini di graminacee crociano con frumento, anguria, melone, limone, arancia, prugna, pesca, albicocca, ciliegia, kiwi, mandorla, pomodoro, arachide;

index

Cross Reattività anguria – graminacee

pollini di parietaria con gelso, basilico, pisello, melone, ciliegia, pistacchio;
pollini di betulacee con mela, pera, fragola, lampone, prugna, pesca, albicocca, ciliegia, mandorla, sedano, finocchio, carota, prezzemolo, kiwi, arachide, noce, nocciola;
pollini di composite con miele di girasole o di tarassaco, camomilla, olio e semi di girasole, margarina, dragoncello, genepy, lattuga, cicoria, sedano, finocchio, carota, prezzemolo, anguria, melone, mela, castagna, pistacchio, banana, arachide, noce, nocciola.

La principale raccomandazione è quella di evitare di consumare gli alimenti responsabili di sindrome orale allergica, durante il periodo di pollinazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *