Miglio: un cereale troppo sottovalutato

Il miglio è un cereale a tutti gli effetti, ma ancora poco conosciuto e meno popolare del comune frumento. Un tempo veniva consumato quotidianamente assieme a legumi e verdure, perché era nutriente e si poteva conservare per lungo tempo.

 

Quali sono le sue proprietà?

  • Facilmente digeribile
  • Fornisce energia perché ricco di carboidrati complessi (utile per gli sportivi di endurance)
  • Ricco di ferro, magnesio, silicio, potassio, calcio
  • Ricco di vitamina B, A, E
  • Quello decorticato non contiene glutine, è adatto quindi anche ai celiaci
  • Per il potere antiabortivo è consigliato anche in gravidanza
  • E’ un grande alleato degli annessi cutanei (pelle, denti, capelli e unghie) per la presenza di acido salicilico
  • Favorisce la diuresi
  • Combatte depressione, stanchezza, anemia e stress
  • E’ adatto anche ai bambini e ai neonati

Come cucinarlo

Il miglio non ha bisogno di ammollo ed è abbastanza veloce da cucinare, non lessatelo per evitare quando lo scolate di gettare via con l’acqua tutte le sostanze preziose, decisamente meglio cuocerlo in una casseruola aggiungendo il doppio di acqua rispetto alla quantità di cereale che volete preparare, lasciandolo cuocere piano piano per 15/20 minuti. Per l’elevato contenuto di amido, una volta cotto può essere utilizzato per realizzare anche delle crocchette o delle polpette aggiungendo verdure e spezie o a quello che più preferite. Si può anche gustare (freddo o caldo) una sorta di “ cous cous di miglio ”. Esiste ance il latte di miglio, totalmente vegetale, un’alternativa a quello vaccino. Potete trovarlo nei negozi di alimentazione naturale o biologica oppure prepararlo da soli in casa. Iniziate a consumare il miglio una volta alla settimana, magari al posto della classica pasta o del riso. Sono certa che aumenterete a tre velocemente.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *