Le donne che soffrono di tiroidite autoimmune di Hashimoto possono consumare soia?

Se la funzione della tiroide è normale, ovvero non è necessaria la terapia ormonale sostitutiva, sì, è possibile consumarla. Mentre coloro che assumono farmaci per l’ipotiroidismo come la levotiroxina sodica (in vendita con i nomi commerciali di Eutirox® o Tirosint®) devono mettere in atto qualche cautela: la soia infatti può interferire con l’assorbimento di questi medicinali e renderli di conseguenza meno efficaci 🙁 Ovviamente non è un problema solo della soia: altri cibi e sostanze possono interferire con la capacità dell’organismo di assorbire i farmaci per la tiroide, tra cui innanzitutto gli alimenti ricchi di fibra, come cereali integrali, legumi in genere, frutta e verdura, gli integratori di calcio e di ferro, nonché i medicinali antiacidi a base di alluminio e magnesio utilizzati nella malattia da reflusso gastroesofageo e nella gastrite, come il Maalox®. Qual è allora una possibile soluzione per godere degli effetti benefici della soia senza correre il rischio di ridurre l’efficacia di Eutirox®? Il suggerimento che do hai miei pazienti è di mangiarla a distanza di almeno quattro ore da farmaco: considerato che questo medicinale si prende in genere prima di colazione, già a pranzo sarà possibile consumare tranquillamente tofu, tempeh, germogli di soia, edamame, ecc.


Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *