Che rischi si corrono se si segue per troppo tempo una dieta iperproteica?

Sicuramente danni renali ed epatici (al fegato). La digestione delle proteine richiede molti liquidi (quasi due volte di più che la disgregazione dei carboidrati e dei grassi) questo è particolarmente critico nei climi caldi e può portare a disidratazione. Per questo, durante una dieta iperproteica bisogna bere molta acqua. Inoltre, l’eccesso di proteine aumenta la perdita urinaria di calcio e questo a lungo andare potrebbe risultare deleterio per le donne in gravidanza e per i soggetti a rischio di osteoporosi. Eliminando i carboidrati dalla propria alimentazione si dimagrisce velocemente ma è un dimagrimento fittizio perché si perdono soprattutto liquidi e non grasso, inoltre, ribadisco che nel lungo termine sono più gli svantaggi che i vantaggi. Chi segue queste diete iperproteiche dopo un po’ accusa uno sfrenato desiderio di dolci (per la mancanza dei carboidrati) e quindi l’effetto ottenuto è l’inverso del dimagrimento! Il successo che in questi ultimi anni hanno riscontrato le diete iperproteiche è senz’altro dovuto al fatto che le proteine oltre a ritardare la comparsa della fame (saziano di più di carboidrati e grassi) contrastano la riduzione della massa magra e del metabolismo basale che si verificano in seguito alle normali diete dimagranti. Attenzione però che l’eccesso di proteine è convertito in grassi e quindi in ciccia ! 🙁

Per un soggetto in salute bastano le proteine, sia animali che vegetali, introdotte con un’alimentazione equilibrata e bilanciata. Non ha alcun senso eccedere, anche perché il nostro organismo non ha un deposito di riserva di proteine come accade con gli zuccheri, quindi l’eccesso è eliminato con le urine, sovraccaricando, come abbiamo già sottolineato, il lavoro di fegato e reni per eliminare l’azoto derivanti dal metabolismo degli amminoacidi.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *